14 maggio 2011

Letizia Moratti: da 60 a 10 anni in un solo secondo

Quello che è stato fatto, alla fine del dibattito con il candidato del Pd Pisapia, dal Sindaco uscente di Milano, Letizia Moratti, è vergognoso . Sintomo di una politica alla frutta, dove non c è più spazio per i programmi elettorali ma vi è solo l'insulto libero. Neanche in un asilo si sarebbe vista una scena del genere.

Oramai le promesse dei politici sono chiacchiere al vento, i loro programmi carta straccia, le loro idee inter cambiali. 

Trovo assurda anche la giustificazione del giorno dopo:


"Ho sottolineato una storia che sul piano politico non può essere considerata la storia di un moderato. Mi dispiace che sia stata interpretata in un altro modo, la mia era una dichiarazione di tipo politico".


Ancora più vergognosa. Lei voleva sottolineare la (inesistente) condanna di Pisapia, non far capire che il suo sfidante non è un moderato. 

Ma era davvero necessaria questa uscita della Moratti? Servirà per farle vincere l'elezioni? Secondo me no, anzi questo gesto è andato a suo sfavore, perché compiuto in maniera maldestra e vigliacca. Anzi questo ha mostrato la sua debolezza, come un animale ferito che compie gli ultimi velenosi attacchi prima di perire.

In un paese civile, il Sindaco del più importante centro economico della Nazione, ex-Ministro dell'Istruzione, non avrebbe mai fatto dichiarazione del genere. In un paese civile....




3 commenti:

  1. già..la politica ormai è alla frutta, questo paese deve risollevarsi, e per farlo bisogna resettare tutto.
    Una nuova politica occorre urgentemente, non si può andare avanti così!!!

    RispondiElimina
  2. Nei cosiddetti "paesi civili" se ne senton di peggio. In quanto a bassezze da campagna elettorale tutto il mondo è paese. A parte questo, l'uscita della Moratti mi pare un autogol bello e buono e comunque sintomo di una politica basata sul manicheismo del "o di qua o di la" sul tifo puerile e sull'inconsistenza di programmi che in fin dei conti si assomiglian sempre di più.

    RispondiElimina
  3. Quando parlo di "paese civile" non è per fare un confronto con altre realtà, ma per sottolineare la mia idea di "paese civile". Secondo me in un paese civile non devono accadere questi episodi(poi ognuno la pensa come vuole)ma questo non significa che in Germania, Gran Bretagna e Stati Uniti ciò non accada. Concordo con te, la Moratti ha fatto un errore da novizio della politica e questo è il sintomo di un problema più grande. Cosi come indicato dal primo commento c è bisogno di un rinnovamento, sia a sinistra che a destra(e magari anche al centro). E' la base che deve risollevare la politica, perché solo lei può farlo...se aspettiamo l'elitè non cambierà niente..

    Nell'articolo che ho appena scritto(http://matteozinanni.blogspot.com/2011/05/amministrative-2011-considerazioni.html) analizzo, in parte, anche questa questione. Senza farlo apposta ho utilizzato lo stesso termine che hai scritto, puerile...perché oramai sono beghe d'asilo non dispute politiche...

    RispondiElimina