28 gennaio 2011

Trash Napoli: Bambini che cantano di sesso

Il fenomeno dei neomelodici napoletani ha raggiunto il suo apogeo. Una struttura che ha portato al proliferare di cantanti semiprofessionisti, che hanno un forte favore di pubblico a Napoli e dintorni, tanto da essere richiesti nei vari matrimoni che si festeggiano nella zona(con un vero e proprio listino prezzi in base al tempo ed alla caratura del cantante). Ma di questo parlerò in un altro articolo. Fino a quando tali cantanti(che per la maggior parte del tempo ammiccano, parlano di sesso, sculettano e compiono gesti da animale da rimorchio)hanno un età superiore ai 18 anni non c è niente di immorale, Il vero scandalo sta nel fatto che questo fenomeno ha contagiato anche i bambini, che esibendosi ai limiti del ridicolo, utilizzano le stesse mosse e le stesse parole dei loro colleghi più grandi. Non ci credete? Allora visionate i due video, qui sotto, di due dei baby neomelodici più famosi: Giuseppe Junior e Anna. Attiviamoci per togliere la patria potestà ai genitori di questi bambini!!!




p.s. notare la scritta a sinistra nel video di Giggino' o Bello, accanto al numero di telefono






Nineteen Eight-Four

Commenti ed approfondimenti sui caratteri della società contemporanea (Politica, Cultura, Economia, Costume e Società).



Nessun commento:

Posta un commento