3 dicembre 2010

Consigliere comunale di Padova scrive su Facebook: Sti rom mi fanno proprio vomitare».

Ecco alcune frasi xenofobe scritte dal Consigliere comunale Vittorio Aliprandi, alle 17:55 di ieri:

“Sti rom mi fanno proprio vomitare”.

“Quando vedo quello che fa lo storpio e che in stazione cammina normalmente vorrei prenderlo a calci”.

Poi in risposta alle polemiche suscitate dalle sue parole, ha precisato

”Sempre polemiche... ma che palle! - ha scritto - Ma a uno non possono dar fastidio i rom? dobbiamo integrarci noi fargli le case mantenerli? Questi non vogliono integrarsi, rubano come attività principale e fanno figli a nastro. E nessuno di loro vuol lavorare e noi dobbiamo farci un culo cosi pagare tasse assurde. Se vogliono fare i nomadi... che vadano in campeggio come facciamo noi, che si adeguino alle nostre regole".

Infine non contento ha terminato con questa perla di saggezza :

In una discussione sul profilo dell'altro consigliere comunale della Civica, Gregorio Cavalla, Aliprandi si è spinto fino ad affermare che servirebbero i "campi di concentramento", precisando in seguito che scherzava(poteva risparmiarsi questa battutona).

Invece di pensare ai reali problemi del paese, si pensa a scaricare la colpa di tutto il malessere italico sugli stranieri. Lo straniero ci ruba il lavoro, lo straniero si veste come un barbone, lo straniero puzza, lo straniero stupra le nostre donne, lo straniero non rispetta le nostre regole. Ma ciò è realmente importante ai fini del nostro benessere?. Se la condizioni fossero completamente inverse, la situazione economico-sociale della nazione sarebbe migliore?  Le manifestazioni di piazza, la crisi economica, l’ alto tasso di disoccupazione, lo scontro sociale, il deperimento della politica e i disservizi della pubblica amministrazione sono un effetto diretto dell’ immigrazione? Oppure sono le conseguenze di scelte sbagliate degli italiani stessi?  Usate il cervello, guardate il vostro cuore, fatevi delle domande e datevi delle risposte. Anche se non è facile.


Nessun commento:

Posta un commento